Il ritorno agli eventi della prima software house italiana dopo la parabola digitale

Da travel e event manager del Gruppo Zucchetti, Silvia Omini vive la parabola dei viaggi d’affari e del Mice di questo anomalo 2020 a tuttotondo. L’abbiamo intervistata sull’evoluzione nell’organizzazione degli eventi che vede l’azienda lodigiana pioniera di una convention virtuale, già ad aprile. Infatti, Zucchetti Meeting 2020, tradizionale appuntamento della prima software house italiana riservato alla propria rete distributiva, è diventato digitale con oltre 1.000 persone collegate. Il focus non poteva che essere sulle novità tecnologiche per aiutare imprese e professionisti nella ri-partenza del business.

Una sessione di Zucchetti Digital Meeting

«Ci stiamo trasformando in qualcosa d’altro – esordisce Omini -, il salto digitale che il lockdown ci ha permesso di compiere rimarrà come insegnamento. In Zucchetti, in una fase di tante acquisizioni (approfondisci qui), dovevamo assolutamente rimanere vicino ai clienti e creare coesione con i distributori. Quindi, non potere svolgere il meeting annuale del 21 aprile a Riccione si è trasformata nell’occasione di affermare le nostre convinzioni nell’innovazione tecnologica e digitale».

Ecco che la diretta di Zucchetti Meeting 2020 è stata sviluppata con una web tv messa a disposizione da Nica, una delle società del gruppo protagoniste dell’evento. «Gli eventi sono sempre stati un capitolo a parte: sono un momento importante di comunicazione ed è giusto dargli il valore per il lancio di prodotti».

Con 30 fiere ogni anno il Gruppo Zucchetti è una delle aziende più corteggiate dall’industry del Mice.

Non si è mai fermata durante i mesi di chiusura delle attività commerciali tra marzo e maggio. «E’ stata una lunga fase complicata – argomenta Omini -, abbiamo cambiato approccio e ci siamo orientati ai webinar, almeno una quarantina, coinvolgendo fino a 4mila persone. Rivenditori e clienti dovevano essere assolutamente informati, quindi diversi reparti hanno interagito durante i seminari in streaming: marketing, comunicazione e prodotto».

Non dimentichiamo che alcuni software realizzati da Zucchetti rappresentano la soluzione di business continuity per le Pmi. Ad esempio, Smart working e Digital workplace. Applicazioni di gestione del personalereperibili in cloud e accessibili facilmente via web.

Fiere generatrici di contatti

Continua Omini: «Va detto che i contatti generati dalle fiere sono ineguagliabili e per noi che in questi anni ampliamo il raggio d’azione nell’Ho.re.ca. rimangono i luoghi d’incontro più efficaci. Perciò partecipare a Ttg Travel Experience a Rimini e altri eventi dell’hospitality, un settore in forte cambiamento, è importante per mostrare le tecnologie applicate. C’è tanto da spiegare e far vedere».

travel e event manager gruppo Zucchetti

Silvia Omini

Piattaforme web per mantenere il filo

Va da sé che durante il lockdown le piattaforme web abbiano dominato la scena. Quali ha preferito una software house come Zucchetti per i meeting virtuali?

«Abbiamo spaziato nell’ampia offerta – spiega la manager – , cerchiamo sempre di utilizzarne più di una. Webex è la preferita, poi Teams e Streamyard che permette una diretta televisiva e di essere più creativi, sfoderando un lato scenico più audace. La soluzione di Cisco è anche integrata nella nostra suite HR per le aziende e i professionisti».

Zucchetti Digital Meeting 2020

L’appuntamento in diretta streaming del 30 aprile ha avuto una genesi che mette in evidenza il lato umano della famiglia fondatrice: doveva presentare anche ZCare Monitor. Un software che permette agli ospedali di monitorare i pazienti da casa. E’ nato per l’ospedale di Lodi, duramente impegnato durante la massima diffusione del Covid19. ZCare oggi gestisce 8mila pazienti ed è utilizzato in oltre 14 strutture in Italia. Doveva essere un “regalo” per la clinica lodigiana, che ha pensato bene di non chiedere una “semplice” donazione in denaro bensì uno strumento gestionale utile (fornito a titolo gratuito). A chi meglio di Zucchetti poteva domandarlo?

La soluzione di telediagnostica potrà essere utilizzata per altre patologie croniche in futuro.

Travel management e ripresa del lavoro

Intanto da settembre l’azienda riparte con la partecipazione agli eventi e con il business travel. Omini: «Stiamo studiando meglio ZTravel e ZCarFleet che diventa ancora più importante per l’utilizzo delle auto in pool, mentre nei viaggi il tracciamento delle persone sarà sempre più attuato, perché l’impresa abbia un quadro di chi viaggia e dove». Luca Marchitelli, responsabile dell’ufficio di comunicazione del gruppo, sottolinea sull’app ZConnect: «Pensiamo alla necessità di comunicare lo stato di salute: il dipendente compila un questionario e può essergli inibito l’accesso al luogo di lavoro oppure al garage, se necessario. Con la funzionalità Health Check è possibile».

Tra gli appuntamenti cui la società prende parte ci sono “Il Convivio”, dedicato ai temi delle risorse umane, e Forum PA, dal 1990 l’evento nazionale sulla modernizzazione della pubblica amministrazione. «Sarà un autunno che metterà alla prova le fiere, ma con il contingentamento degli ingressi si troverà una soluzione – conclude Omini -, per i meeting in hotel forse sarà più arduo, c’è ancora timore da parte delle aziende per la sicurezza del proprio staff».

Insieme a Cisalpina e Soldo, Zucchetti ha organizzato anche un evento digitale dal titolo “Ripartiamo!”, cui seguirà a fine settembre una seconda puntata che racconterà la nuova frontiera del viaggio d’affari.

eventi ibridi e virtuali
Precedente

Eventi ibridi e virtuali di successo, le linee guida di Aim Group International

eventi aziendali Folletto
Successivo

Folletto Vorwerk riparte con i meeting corporate