MissiOnewsPolitica&EconomiaTrasporti

Etiopia ed Eritrea, è pace! Le opportunità di Ethiopian Airlines

Buone notizie dal Corno d’Africa, visto che dopo vent’anni di guerra vera o guerreggiata tra Eritrea ed Etiopia i due leader Isaias AfwerkiAbiy Ahmed, hanno firmato una  dichiarazione per portare la pace in questo martoriato angolo d’Africa, con grande soddisfazione per le opportunità di Ethiopian Airlines che, dalla piattaforma di Addis Abeba, suo hub, vuole servire turisti e uomini d’affari oltre che per il proprio paese, tutta l’Africa e la zona dell’Oceano Indiano. Grazie a una flotta che recentemente ha raggiunto i 100 aeromobili in flotta (vedila qui), con un Boeing 787 Dreamliner, di cui ne ha già 19 in flotta e 5 in ordine. In flotta anche il “suo” concorrente, l’A350, con 9 aeromobili già operativi e 15 in arrivo (leggi qui).

Etiopia ed Eritrea, è pace! Le opportunità di Ethiopian Airlines, con una flotta di oltre cento aerei

Il 100esimo aeromobile della flotta Ethiopian Airlines è un un Boeing 787 Dreamliner “È un onore per tutti noi di Ethiopian aver raggiunto il traguardo di 100 aeromobili. Questa pietra miliare è la dimostrazione del nostro storico ruolo di leadership dell’aviazione in Africa e una testimonianza dell’implementazione di successo del nostro piano di crescita redditizio e sostenibile: Vision 2025” dice il Ceo del gruppo Tewolde GebreMariam, che spiega: “Ethiopian è stata la prima ad usufruire del servizio di jet nel Continente nel 1962 ; ha avuto il primo B767 nel 1984, il primo B777-200LR nel 2010, il primo B777-800 Dreamliner e il cargo B777-200 nel 2012, il primo A350 nel 2016 e il primo B787-9 nel 2017. Ora gestisce 100 dei più moderni e giovani aeromobili, con un’età media inferiore ai 5 anni. La modernizzazione e l’espansione della flotta sono uno dei quattro pilastri fondamentali della nostra roadmap strategica Vision 2025, a supporto della nostra rete in rapida espansione, che ha ora raggiunto oltre 110 destinazioni internazionali che coprono 5 continenti. Questo traguardo ci costringe a rivedere i nostri piani al fine di mettere in produzione più aeromobili e ampliare ulteriormente la nostra rete in modo da soddisfare le crescenti esigenze di viaggio del nostro continente e sostenere la sua economia in sviluppo e integrazione facilitando il flusso di investimenti, commercio e turismo. Continueremo a collegare sempre più africani con i loro concittadini del continente e con i loro fratelli e sorelle nel resto del mondo per migliorare la vita ogni singolo giorno”. Compagnia etiope che ha appena ricevuto anche il  primo dei 30 737 MAX jet ordinati: “Siamo lieti di includere il Boeing 737 MAX 8, l’ultimo nato della serie Boeing a corridoio singolo, nella nostra giovane e moderna flotta” aggiunge il numero uno di Ethiopian Airlines, macchina che ospiterà 160 passeggeri, e che, grazie alla firma sulla pace tra Etiopia ed Eritrea, ha anche riaperto i voli tra i due paesi.

“Siamo molto lieti di consegnare il 100° aeromobile ad Ethiopian Airlines e di far parte della grande storia di successo delle compagnie aeree. Ci congratuliamo con Tewolde Gebremariam e tutto il team di Ethiopian Airlines, e auguriamo loro continui successi nell’aviazione africana” aggiunge Aengus Kelly, Ceo di AerCap.

“Ethiopian Airlines continua a volare in prima linea nell’industria dell’aviazione commerciale africana, utilizzando gli aerei più avanzati”, le dichiarazioni di Marty Bentrott, vicepresidente delle vendite Boeing per Medio Oriente, Turchia, Russia, Asia centrale e Africa: “Siamo onorati della continua fiducia dell’Etiopia nei confronti degli aerei Boeing e non vediamo l’ora di crescere la nostra partnership di cinque anni”.

Ricordiamo che per volare con Ethiopian Airlines in Europa sono diverse; in Italia vola sia da Roma Fiumicino e da Milano Malpensa, ma il vettore etiope vola, anche con collegamenti cargo, anche su Bruxelles, Dublino, Francoforte, Istanbul, Liegi, Londra, Madrid, Oslo,Parigi, Saragozza, Stoccolma e Vienna.

decollo sulla Roma-Washington
Precedente

Il ritorno di Alitalia?

donne in viaggio
Successivo

GBTA, le donne in viaggio più esposte dei colleghi maschi