Auto

Presentata la Škoda Scala, la nuova compatta della Casa boema

Non ha nulla a che vedere con l’Attila andato in scena qualche giorno fa nel teatro lirico più famoso del mondo, ma la Škoda Scala (da noi anticipata qui) è anch’essa una prima per la Casa boema, visto che è il primo modello basato sulla piattaforma MQB A0 del Gruppo Volkswagen,  rappresenta l’apripista per l’evoluzione del linguaggio stilistico di tutto il brand ceco ed è la prima auto di serie in Europa a fregiarsi del nome Škoda a singole lettere sul portellone, al posto del tradizionale logo. La Škoda Scala è una compatta a 5 porte che riprende le linee anticipate dal concept Vision RS (vedi qui la presentazione al recente Salone di Parigi) e verrà immessa sul mercato nella prima metà del 2019. Cinque le motorizzazioni disponibili con potenze comprese tra i 90 CV (66 kW) e i 150 CV (110 kW). “Con Scala iniziamo un nuovo capitolo nell’offerta Škoda nel segmento di riferimento. È un’auto completamente inedita che stabilisce nuovi punti di riferimento in fatto di tecnologia, sicurezza e design. Škoda Scala incarna perfettamente il tipico smartunderstatement Škoda e siamo convinti che abbia la possibilità di ridefinire la nostra presenza sul mercato tra le compatte di segmento C” commenta Bernhard Maier, Ceo del Costruttore ceco.

Presentata la Škoda Scala, la nuova compatta della Casa boema; per un target giovane ma anche esigente 

La Scala si rivolge a un target giovane, di una generazione always online attenta al design, che, però, apprezzano anche gli spazi generosi all’interno e l’interessante rapporto qualità/prezzo. Con intenti molto curati: la plancia, dotata di touchscreen centrale collocato in posizione rialzata, presenta, analogamente ai pannelli delle porte anteriori, una superficie morbida e di alta qualità, impreziosita da un nuovo e specifico strato zigrinato, ispirato alle strutture cristalline boeme. Illuminazione ambiente, tonalità calde e cuciture in contrasto colorate sui rivestimenti dei sedili, disponibili a richiesta in raffinata microfibra Suedia, creano una piacevole atmosfera a bordo. Il parabrezza o il volante riscaldabili a richiesta accrescono ulteriormente il comfort offerto.  Tre le motorizzazioni proposte; il TSI 1.0 o 1.5 litri di cilindrata  a benzina oltre a un 1.6 TDI con una gamma di potenza che spazia da 95 a 150 CV. Nel corso del 2019 verrà introdotto il 1.0 G-TEC 90 CV (66 kW), alimentato con il metano ecologico (gas naturale). In opzione è disponibile lo Sport Chassis Control, un assetto variabile con modalità Normal e Sport, selezionabili attraverso il sistema di infotainment di bordo nel menu Driving Mode Select.

Infine tanta la tecnologia a bordo, a partire dal Side Assistant (disponibile a richiesta), che è in grado di segnalare fino a una distanza di 70 metri – 50 metri in più rispetto al Blind Spot Detect  i veicoli che si stanno avvicinando da dietro intenzionati al sorpasso, o in corrispondenza dell’angolo cieco. A richiesta, anche il sistema Adaptive Cruise Control (ACC), utilizzabile fino a una velocità di 210 km/h, e il sistema Park Assistant. Tra gli equipaggiamenti di serie figurano infine il sistema di assistenza per il mantenimento della corsia e il sistema di assistenza radar sulla zona anteriore con funzione di frenata di emergenza city. Tecnologia LED,  e a richiesta in versione full LED, per i fari, mentre il Virtual Cockpit, disponibile a richiesta, è dotato del display più ampio del segmento (10,25 pollici), mentre la piattaforma modulare di infotainment presenta una diagonale dello schermo da 6,5 a 9,2 pollici. Grazie a Škoda Connect, con Sim integrata, è possibile, ad esempio, bloccare e sbloccare la vettura tramite il telefono cellulare e aggiornare il software del sistema di infotainment o le mappe di navigazione.

Crash test Euro NCAP 2018
Precedente

Crash test Euro NCAP, 5 stelle per 6 auto su 8

diesel rinnovabile
Successivo

Bosch per il diesel rinnovabile, il C.A.R.E.