GreenSguardo sul futuro

Un consorzio guidato da Volkswagen per la mobilità del futuro

Obiettivo mobilità del futuro per il consorzio di ricerca a livello europeo capitanato dal Gruppo Volkswagen, un progetto quadriennale, chiamato L3Pilot, lanciato nei giorni scorsi a Wolfsburg con l’obiettivo di testare la guida autonoma sulle strade europee. Nel consorzio a parte il gruppo di Wolfsburg vi sono 13 Case automobilistiche europee, fornitori, istituti di ricerca, Università e piccole medie imprese, che introdurranno nel sistema di trasporto pubblico 100 veicoli e mille conducenti per test in real time, in conformità con i Livelli 3 e 4 e in una vasta gamma di applicazioni.

La mobilità del futuro secondo un consorzio europeo guidato dal Gruppo Volkswagen toccherà diverse tecnologie

Dal parcheggio al sorpasso, fino alla guida in città in condizioni di traffico difficili. I test in real time sulle strade europeo andranno a interessare diverse tecnologie che stanno già salendo sulle auto già in produzione oggi. Fanno parte del consorzio:

  • Case automobilistiche: Gruppo Volkswagen (coordinatore), Audi AG, BMW Group, Centro Ricerche Fiat SCPA, Daimler AG, Ford, Honda R&D Europe, Jaguar Land Rover, Opel Automobile GmbH, Groupe PSA, Renault, Toyota Motor Europe, Volvo Car Corporation
  • Fornitori: Autoliv, Delphi Deutschland GmbH, FEV Group GmbH
  • Istituti di ricerca e Università: German Aerospace Center (DLR), ika RWTH Aachen University, Institute of Communication and Computer Systems ICCS, SAFER, SNF – Center for Applied Research at NHH, University of Leeds, University of Warwick, Federal Highway Research Institute (BASt), Università di Genova, VTT Technical Research Center of Finland, Würzburger Institut für Verkehrswissenschaften GmbH (WIVW Center for Traffic Sciences)
  • Autorità: The Netherlands Vehicle Authority RDW
  • Gruppi di utenti: FIA Federation Internationale de l’Automobile Assicurazioni: AZT Automotive GmbH, Swiss Reinsurrance Company
  • Piccole medie imprese: ADAS Management Consulting, European Center for Information and Communication Technologies EICT GmbH

 

Complessivamente, il progetto raccoglierà dati in undici Paesi europei per valutare gli aspetti tecnici, l’accettazione degli utenti, il comportamento di guida e l’impatto di questi sistemi sul traffico e sulla società.  “Siamo convinti che l’iniziativa di ricerca L3Pilot creerà una piattaforma completa e ben radicata per la concretizzazione della mobilità del futuro. La forte integrazione dell’intera industria automobilistica europea e il supporto scientifico di esperti nei campi della mobilità e dei veicoli autonomi daranno slancio al progetto e lo porteranno al successo” commenta il coordinatore del progetto Aria Etemad, della divisione Volkswagen Group Research. Inoltre verrà analizzato anche il quadro normativo per costruttori e conducenti, in particolare in merito alla responsabilità del prodotto rispetto al codice della strada. Il budget per l’iniziativa è pari a 68 milioni di euro e il supporto della Commissione Europea è di 36 milioni di euro.

Precedente

Ricerca choc, in Italia 1250 morti in più per il Dieselgate

Telematica e flotte
Successivo

La telematica sempre più a bordo delle flotte aziendali