Sguardo sul futuro

Vislab tra le 10 migliori startup dell’anno per Startup Italia

Tra le 100 migliori start up portate all’Open Summit di StartupItalia!, ne sono state scelte 10 che si possono fregiare del titolo delle migliori Top ten italiane, tra cui vi è anche la Vislab di Alberto Broggi, che da Parma fa concorrenza a Google, con la sua auto che si guida da sola. Ma con una tecnologia più efficiente ed economica.

VisLab, nata presso l’Università di Parma nel 2010, è stata comprata da Ambarella Inc. società americana quotata al Nasdaq specializzata nello sviluppo di compressioni video e immagini attraverso semiconduttori, per 30 milioni di euro lo scorso luglio.

Tra le altre nove scelte anche una startup legata al mondo del travel, con Musement, una applicazione fondata nel 2013, che fornisce informazioni dettagliate su oltre 3000 attività in 25 nazioni. Nel 2015 ha chiuso un secondo round di investimento con Italian Angels for Growth, oltre che di P101, 360 Capital Partners e Micheli Associati per 5 milioni di euro, e a novembre è stata nominata startup dell’anno dalla Ernst&Young Italia.

Le altre top ten scelte da Startupitalia sono lo spazio di coworking bresciano di Talent Garden, Wise Neuro, startup biomedica fondata nel 2011, Genenta Science, altra società in ambito medico, HelloFood Italia, ex PizzaBo,  startup bolognese di consegna di pizze (e non solo) a domicilio comprata da Rocket Internet,  Soundreef, nata a Londra da founder italiani che gestisce copyright e royalties per gli autori garantendo pagamenti più rapidi rispetto alla Siae, Satispay, l’applicazione per i pagamenti via mobile di cui abbiamo già scritto (leggi: Totalerg: paghi con Satispay e ritiri gli acquisti con Inpost), la  piattaforma per la pianificazione e la gestione degli investimenti Moneyfarm,  e Doveconviene, piattaforma dove ogni mese da 7 milioni di persone che sfogliano 20 milioni di volantini e cataloghi georeferenziati su pc, smartphone, tablet Apple, Android e Microsoft e Kindle.

Precedente

Autonomous car made in China con Baidu. E arriva Samsung

Successivo

Pagare il carburante con lo smartphone grazie a PayPal e Q8