EconomiaMissiOnewsTech & Web

Studio AirPlus, nel 2018 le aziende viaggeranno di più

Parola dell’ultimo studio AirPlus (scopri di più sulla società specializzata in soluzioni di pagamento): le aziende di tutto il mondo, Italia inclusa, hanno fiducia in un andamento positivo dei viaggi d’affari.

In particolare, il 35% dei travel manager si aspetta un incremento delle trasferte, mentre solo l’8% prevede un calo del settore. Opinione, questa, condivisa anche dai traveller.
Per quanto riguarda gli effetti dell’economia globale sul settore dei viaggi d’affari, invece, travel manager e viaggiatori d’affari hanno opinioni divergenti: sono il 27% i responsabili viaggi convinti che l’economia stia portando benefici al settore (27%), mentre questa percentuale è più elevata nei viaggiatori d’affari (42%). I primi, infatti, sono influenzati da una prospettiva aziendale che include anche i costi legati alle trasferte. I secondi, al contrario, adottano una visione maggiormente orientata alle opportunità di viaggio.

STUDIO AIRPLUS, I TRAVEL MANAGER TEMONO L’AUMENTO DEI COSTI

Visto che le aziende prevedono di fare più viaggi, non sorprende che i travel manager si aspettino un incremento dei costi. In particolare il 41% del campione prevede maggiori costi per i voli aerei (41%). Un ben più modesto 13% che confida di riuscire a ridurli. Il 36% afferma che aumenteranno i costi generati dagli hotel. Tra le altre voci in crescita, il 24% dei responsabili viaggi indica gli autonoleggi, il 23% i meeting e le convention e il 19% i tragitti in treno.

Chi più spende si preoccupa maggiormente dell’aumento dei costi: infatti, il 46% delle aziende con elevati budget di viaggio ritiene che i propri costi per le trasferte aumenteranno nei prossimi 12 mesi, contro il 42% delle aziende a medio volume di spesa e il 38% di quelle che spendono di meno.

STUDIO AIRPLUS, LE LOW COST NON DECOLLANO

Da notare, tra l’altro, che le imprese con i budget di spesa più cospicui sono anche quelle che utilizzano poco le compagnie low-cost: un dato che trova una spiegazione, probabilmente, nella necessità di raggiungere destinazioni intercontinentali, generalmente poco servite dai vettori non tradizionali.

STUDIO AIRPLUS, FOCUS SULL’ITALIA

Tra i Paesi presi in esame dallo studio di AirPlus compare anche l’Italia. Nel nostro Paese il 41% dei viaggiatori d’affari prevede di incrementare il numero delle trasferte nei prossimi 12 mesi. Solo il 5% invece ha in programma di di viaggiare di meno. Anche il 30% dei travel manager si aspetta una crescita dei viaggi aziendali. Appena il 2% prevede una diminuzione (percentuale inferiore a tutti gli altri Paesi, a eccezione della Turchia).

MA L’ECONOMIA SOSTIENE IL BT?

Tuttavia, sia i singoli viaggiatori che i travel manager divergono sul fatto che il business travel sia sostenuto o meno dalla situazione economica nazionale. Il 58% dei traveller ritiene che l’economia stia avendo un effetto positivo. Si tratta di una percentuale al di sopra delle aspettative e superiore alla media europea. Solamente il 7% percepisce un effetto negativo. Questo risultato è probabilmente influenzato dalla crescita del Pil italiano del 1,5%. Una crescita, tra l’altro, attesa anche per il 2018 secondo Banca d’Italia. I travel manager sono più pessimisti: il 25% prevede un impatto negativo, il 18% positivo.

Segnaliamo che il campione dell’AirPlus Travel Management Study 2018 era composto da oltre 2000 viaggiatori e 870 travel manager in 24 Paesi.

Scarica qui l’infografica dell’AirPlus Travel Management Study 2018.

continua lo sciopero Air France
Precedente

Cieli perturbati, continua lo sciopero Air France

Offensiva IAG
Successivo

Offensiva IAG, dopo Norwegian nel mirino Air Europa