AutoGreenSguardo sul futuro

Le auto elettriche devono emettere suoni, al via l’obbligo

Notizia numero uno: da questo mese le auto elettriche di nuova costruzione dovranno essere progettate per fare un po’ di rumore. Notizia numero due: BMW ha incaricato il compositore tedesco Hans Zimmer di “comporre” il suono che dovranno emettere le auto emissioni zero della casa tedesca.

Andando con ordine: chi si aspettava che le auto elettriche contribuissero a rendere le città meno inquinate e più silenziose aveva ragione solo nel primo caso. La Commissione europea ha, infatti, emanato le nuove normative che puntano a rendere più rumorose le “e-auto” in modo che siano udibili da pedoni, ciclisti e altri utenti della strada.

D’ora in avanti, le auto elettriche di nuova costruzione (ma anche quelle ibride) saranno immatricolate solo se saranno dotate dei sistemi Avas o Audible Vehicle Alert System, nuovo acronimo made in Bruxelles che indica quei dispositivi che puntano a limitare la pericolosità (per gli altri) dei veicoli emissioni (e rumori) zero il cui arrivo silenzioso potrebbe non essere sentito.

Scopri le percorrenze reali delle auto elettriche secondo “What car?”

Auto elettriche di nuova costruzione: rumore di almeno 56 decibel fino a 20 km/h

Di questa misura si parla già da diversi anni anche se l’annuncio vero e proprio venne fatto nel 2018 mentre l’entrata in vigore è scattata a inizio mese e riguarda tutte le auto elettriche vendute all’interno dell’Unione europea a partire dal 1° luglio 2019. Per le vetture già in circolazione o già immatricolate tale obbligo partirà dal 2021. Almeno per ora il provvedimento non riguarderà le cosiddette “mild-hybrid“, ossia di quelle vetture dotate di un piccolo motore elettrico che recupera l’energia cinetica dalle frenate.

Secondo le direttive comunitarie, i veicoli dovranno emettere un suono di almeno 56 decibel d’intensità (ma inferiore a 75), durante la marcia a una velocità fino a 20 Km/h. I costruttori sono al lavoro da tempo per ottemperare alla normativa: mentre in passato alcuni costruttori avevano previsto la possibilità di disattivare manualmente tale suono, dal 1° luglio non sarà possibile, visto che gli impianti dovranno difondere il suono in maniera permanente.

Rumore, suono o sinfonia? Ecco come funziona il dispositivo Avas

Si tratta di uno strumento in grado di emettere un suono artificiale, che molto probabilmente sarà simile a quello di una normale vettura a motore termico (a benzina o a gasolio). Nessun problema per chi è a bordo della vettura, dato che il rumore prodotto sarà appena percettibile soprattutto se si hanno i finestrini chiusi, visto che la propagazione delle onde sonore avviene soprattutto verso l’esterno.

L’avviso acustico si adegua alla velocità dell’auto, aumentando d’intensità durante le accelerazioni e diminuendo nelle frenate, simulando perfettamente un’auto “tradizionale”. Come detto, al superamento di 20 km/h , il dispositivo si spegne visto che il rumore “naturale” provocato dalle auto elettriche a velocità maggiore è già di per sé udibile a causa dell’attrito con l’aria, del rotolamento dei pneumatici e del propulsore stesso.

Quanto messo in campo da BMW ha qualcosa di artistico: l’azienda bavarese ha infatti incaricato il compositore tedesco Hans Zimmer – già autore di colonne sonore di film come “Il Gladiatore”, “Re Leone”, “Mission impossible”, “Pearl Harbor” e molti altri – di creare un suono ad hoc per le auto elettriche di nuova costruzione. Il risultato è stato presentato a Monaco di Baviera (e dove sennò?)  in occasione della presentazione della concept “BMW Vision M Next“, la supercar del futuro BMW.

Guarda il film ufficiale del lancio

Mercato auto elettriche: il 2019 sarà positivo

Anche se in Europa il segmento delle auto elettriche è solo lo 0,22% del totale – pari a 650.000 unità – è in forte crescita. Basti pensare che nel solo 2018 sono state immatricolate 200.000 nuove vetture green. Percentualmente è la Norvegia la leader europea, con il 6,5% del cicolante che viaggia a batteria. A seguire: Regno Unito (0,48%), Germania (0,21%) e Francia (0,12%). E l’Italia? Molto indietro, con lo 0,03% e 12.330 auto elettriche circolanti rilevate nel 2018.

Salone di Ginevra 2020: 13 giorni di test di auto elettriche

Il trend è però in crescita in tutto il continente: si è passati infatti da poco più di 40.000 immatricolazioni nel 2014 a oltre 161.000 nel 2018, con un 2019 previsto in crescita. Per il momento il settore è trainato dalle politiche legate agli incentivi e dal noleggio lungo termine, che già da diversi anni mettono a disposizione della clientela un’ampia scelta di auto elettriche e ibride, una soluzione che permette di cambiare macchina periodicamente adeguandosi alle nuove normative senza costi aggiuntivi.

Auto elettriche di nuova costruzione

leaseplan e le riforme
Precedente

Leaseplan e le riforme urgenti, per 150mila immatricolazioni in più

nuovo codice della strada 2019
Successivo

Il nuovo codice della strada, entrata in vigore e novità 2019