AutoGreen

La Citroën C5 Aircross hybrid plug in beneficia dell’ecobonus

E’ ordinabile anche in Italia la Citroën C5 Aircross hybrid, il Suv che a metà gennaio la casa francese ha presentato al Salone di Bruxelles. Un’anteprima che segna un’ulteriore svolta elettrica con 6 modelli in listino. Inoltre, intercetta l’ecobonus statale con la nuova riclassificazione delle auto ibride in tre scaglioni.

D’ora in poi tutti i nuovi modelli lanciati dal costruttore d’Oltralpe disporranno di un’offerta elettrificata. Tale offerta punta a offrire a chiunque, nella fascia centrale del mercato, proposte in tutti i segmenti e in ogni Paese.

In più, con sospensioni Progressive hydraulic cushions, sedili Advanced comfort e le sue 20 tecnologie di assistenza alla guida, il Suv C5 Aircross raggiunge una nuova fase nel programma “Citroën advanced comfort” con questa offerta ibrida plug in. Vediamo in dettaglio.

Scopri i dati di vendita 2019 di Citroën

Citroën C5 Aircross hybrid: le caratteristiche

Sono 4 le caratteristiche principali su cui punta Citroën per la C5 Aircross hybrid.

  • Versatilità: una guida a zero emissioni di CO2 nel quotidiano in modalità 100% elettrica (55 km di autonomia). E un’autonomia illimitata per i tragitti più lunghi, grazie al motore a benzina
  • Silenzio a bordo: un viaggio in modalità elettrica in un ambiente ovattato, senza rumore o vibrazioni
  • Esperienza di guida top di gamma: prestazioni elettrizzanti grazie all’abbinamento di un motore benzina PureTech 180, di un motore elettrico da 80 kW e di un cambio automatico ë-Eat8, per 225 Cv di potenza complessiva e 320 Nm di coppia disponibile immediatamente
  • Intuitività: un ecosistema tecnologico completo, semplice e intuitivo, che include la gestione automatica delle modalità di guida, una ricarica semplificata e un portale di servizi connessi dedicati

A questo si aggiunge la modulabiltà: tre sedili posteriori individuali, scorrevoli, inclinabili e ripiegabili a scomparsa, con un volume del bagagliaio Best in Class da 460 l a 600 l. Importanti anche i consumi e le emissioni: queste ultime partono da 32 g/km mentre i consumi da 1,4 l per 100 km in ciclo Wltp.

La C5 Aircross hybrid è prodotta in Francia nella fabbrica di Rennes. Qui vengono assemblate anche le versioni termiche destinate all’Europa e già vendute in oltre 110.000 unità in un anno. Le prime consegne sono previste alla fine del primo semestre 2020.

C5 Aircross hybrid

Citroën C5 Aircross hybrid beneficia dell’ecobonus 2020

Il termine ‘ibrido’ è ormai una parola chiave nell’universo dell’auto. Alla base di questa definizione, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha stabilito una precisa classificazione delle diverse tipologie di veicoli ibridi, con una circolare dello scorso 3 dicembre 2019. Questo per “consentire alle amministrazioni nazionali e regionali, nell’ambito dei programmi di incentivazione, di orientare tali incentivi verso le tecnologie elettriche ibride a minor impatto ambientale”.

MissionForum: scopri il futuro dell’auto aziendale ibrida

In sostanza, sono stati introdotti tre gruppi che indicano il livello di emissioni di CO2 dei veicoli ibridi. Il Gruppo 1 ≤ 60 g/km (veicoli ibridi plug-in). Un Gruppo 2 tra 61 e 95 g/km (veicoli ibridi standard). Infine, il Gruppo 3 ≥ 95 g/km (veicoli ibridi senza ricarica esterna, noti commercialmente come “micro hybrid” e “mild hybrid”).

La ripartizione in 3 distinti scaglioni, in base alla soglia di emissioni di CO2, sancisce una netta divisione tra le differenti definizioni di ibrido. Tra questi, il veicolo ibrido con la spina per la ricarica esterna (classificato come “ibrido plug in”) è quello che consente un minor impatto ambientale.

In base a questa classificazione, la ricarica esterna della C5 Aircross hybrid garantisce una media di 32 g/km di emissioni di CO2. Pertanto rientra nel primo gruppo definito dal Mit. Cioè quello con il tetto fissato a 60 g/km di CO2 e che offre la possibilità di beneficiare di incentivi statali. Questi sono di 1.500 euro oppure 2.500 euro in caso di rottamazione. Un vantaggio che, in base alle diverse amministrazioni locali, si può sommare, ad esempio, all’accesso alle Ztl gratuito (o con pedaggi ridotti) oppure al parcheggio gratuito nelle zone di sosta a pagamento e nei posti residenti.

C5 Aircross hybrid: 3 formule di acquisto (o di possesso)

Per il C5 Aircross hybrid, Citroën offre varie forme di acquisto, di finanziamento e di utilizzo. Nel primo caso, il prezzo in promozione è di 34.550 euro, grazie all’ecobonus Citroën di 7.000 euro sul prezzo di listino, comprensivo di Ecobonus statale.

Scopri il free2move rent per il noleggio a breve termine

Sulla versione Feel, è disponibile la formula di finanziamento con SimplyDrivePrime, della durata di 36 mesi e 30.000 chilometri. Questa prevede il versamento di un anticipo di 6.500 euro e il pagamento di 35 rate mensili da 249 euro e il “Valore Futuro Garantito” da 22.415 euro. Il finanziamento è valido per la versione Feel con diversi equipaggiamenti inclusi.

Per i clienti privati, la plug in Citroën C5 Aircross hybrid è disponibile anche con un’offerta di noleggio a lungo termine Free2Move Lease. Per 36 mesi e 30.000 Km, con un primo canone da 6.142 euro (Iva inclusa) e 35 canoni mensili da 329 euro, sempre Iva inclusa. Tale canone comprende: assicurazione Rca, antifurto con polizza incendio e furto, manutenzione ordinaria e straordinaria presso la rete Citroën autorizzata. In aggiunta: assistenza stradale 24h/24, tassa di proprietà, auto sostitutiva in caso di guasto e gestione sinistri.

Per i clienti business, l’offerta di noleggio a lungo termine Free2Move Lease è di 36 mesi e 45.000 Km. Il primo canone è di 5.600 euro Iva esclusa cui si aggiungono 35 canoni mensili da 279 euro Iva esclusa. Nel canone è incluso quanto compreso nella formula rivolta ai privati.

C5 Aircross hybrid

Svizzera cancella
Precedente

La Svizzera cancella il Salone dell'auto di Ginevra per Coronavirus

Peugeot 208 è Auto dell'anno 2020
Successivo

Peugeot 208 è auto dell'anno 2020. La classifica finale