AutoServizi

Nissan durante il Covid-19 tra assistenza estesa e flotta gratuita alla Protezione civile

Nissan ha attuato diverse iniziative per fronteggiare il Covid-19. Dalla riparazione dei veicoli con un’assistenza estesa ai propri clienti, soprattutto durante l’emergenza, alla fornitura di centinaia di auto per la flotta della Protezione civile.

Vediamo nel dettaglio come si concretizzano gli aiuti della Casa in Italia.

Le garanzie del cliente Nissan durante il Coronavirus

Le officine autorizzate, con le massime misure precauzionali, sono pronte ad accogliere le richieste in questo periodo, assicurando il consono servizio di assistenza stradale.

Il supporto della Casa prevede il trasporto del veicolo fermo e l’aiuto per il cliente a rientrare nel proprio domicilio. Anche nel caso in cui non fosse in grado di rinnovare la copertura annuale del servizio e a prescindere dall’età della vettura, nel caso sia direttamente impegnata in un’attività a tutela della salute e della sicurezza della popolazione. Misure queste ultime che avranno validità fino a due settimane successive al termine del lockdown.

Ciò non andrà a svantaggio di chi già possiede l’estensione dei servizi di assistenza stradale – la cosiddetta Loyalty road side assistance (Lrsa)  – con una data di scadenza compresa tra marzo 2020 e luglio 2020. Infatti, riceverà un’estensione gratuita del servizio per altri 6 mesi.

Sai che a Londra Uber usa duemila Nissan Leaf?

Riparazioni Nissan non urgenti: rimandabili e garanzia salva

Rispetto ai servizi legati ai tagliandi e alle riparazioni non urgenti, gli automobilisti dovranno, invece, posticipare i loro appuntamenti .

Questo anche per quanto concerne i veicoli in garanzia: senza temere alcun impatto sulla validità contrattuale. Nissan chiede di contattare la concessionaria oppure l’officina autorizzata di fiducia per effettuare le operazioni alla prima occasione.

Se la mobilità dovesse essere assolutamente necessaria, pur nella situazione attuale, l’ufficio clienti si dice raggiungibile al numero verde 800.105.800.

Nissan durante il Covid19 dona 240 mezzi alla Protezione Civile

In questo periodo, il marchio si rende completamente disponibile ad aiutare la popolazione con supporti concreti, anche dal punto di vista logistico. Il primo aiuto è la consegna di una flotta di 240 crossover alla Protezione civile, in comodato gratuito, per il trasporto di medicinali e altri materiali sanitari per il primo intervento.

A questa iniziativa, la Casa ha aggiunto 90 punti di assistenza sul territorio nazionale. Sono a disposizione delle squadre operative della struttura governativa durante l’intero periodo di crisi.

Secondo Nissan, deve intendersi come una forma di ringraziamento verso gli operatori che fronteggiano il Covid-19 in prima linea.

«Da sempre, Nissan si adopera per una mobilità efficiente e sostenibile. Di fronte a un’emergenza di tale portata non potevamo restare immobili. Ci sembra doveroso mettere i nostri mezzi al servizio di chi combatte quotidianamente per il futuro del Paese»,  afferma Bruno Mattucci, presidente e amministratore delegato di Nissan Italia.

Approfondisci qui sulla Nissan Leaf e+ che percorre 385 km con un ciclo di ricarica elettrica.

Arval Italia donazioni
Precedente

Da Arval Italia donazioni per il Coronavirus e proroga dei contratti per le flotte

prestiti alle imprese
Successivo

Prestiti alle imprese di trasporto: Dkv apre il Corona Help Desk