Nuovi hotel Marriott 2021: a Roma debutta il brand W con 159 camere

Nuovi hotel Marriott nel 2021, a cominciare da Roma. La catena americana conferma l’apertura del W Rome che segnerà il già annunciato debutto del brand W Hotels in Italia. «Poco distante dalla scalinata di Piazza di Spagna e dalle boutique di via Condotti, la struttura si sviluppa su due diverse proprietà del XIX secolo in via Liguria, e ospiterà 159 stanze e suite e uno dei pochi rooftop bar con vista mozzafiato sulla città eterna», spiega una nota. L’inaugurazione nel secondo trimestre del 2021.

I piani di Marriott International dovevano essere presentati in una conferenza stampa online, ma il severo lockdown disposto dal primo ministro inglese Boris Johnson lunedì scorso 4 gennaio ha impedito la presentazione che si sarebbe tenuta in diretta streaming dal JW Grosvenor House London.

Il 2021 segna per la catena uno sviluppo sigbnificativo in Medio Oriente, con Egitto ed Emirati Arabi al centro degli impegni. Anche l’Europa delle capitali cattura parte degli investimenti. Tra le novità negli States, l’introduzione del servizio di tamponi Covid19, come vi spieghiamo nella parte finale di questo articolo.

Nuovi hotel Marriott 2021

Proprio Londra sarà al centro delle nuove aperture nell’anno corrente. Ecco The Westin London City ad aprire nel terzo trimestre. Con 222 camere definisce un nuovo concetto di wee-being, seguirà i principi del “design biolifico” cioè che utilizza gli elementi sensoriali caratteristici della natura. Dunque ne riproduce i materiali, i colori, utilizza tecnologie che evocano l’ambiente naturale.

L’albergo si affaccia sul Tamigi, lo studio di architettura è il britannico Dexter Moren Associates. Già autori dell’hotel Villa Doria Pamphili a Roma di Antirion Sgr.

Moxy hotel a Lisbona e a Manchester

Nel primo trimestre aprirà a Lisbona il Moxy hotel, brand giovane e informale di Marriott. Ha una piscina sul tetto. Si trova vicino ai giardini botanici Estufa Fria del parque e all’Avenida Marques de Pombal, ha 136 stanze. Più tardi, nel 4° trimestre dell’anno sarà la volta del Moxy Manchester a Spinningfields, il centro finanziario di Manchester. All’interno di un edificio industriale, un tempo fabbrica di cappelli, bibite, prodotti chimici e seta.

Portogallo: W Algarve

Anche la regione dei campi da golf e del clima temperato tutto l’anno accoglierà il brand W, tra aprile e giugno 2021. L’hotel da134 camere ha accesso diretto a tre spiagge e vista mare da ogni stanza. Le 23 suite includono appartamenti su due piani con piscine private e una Extreme Wow suite con vasca idromassaggio. Lo Sky deck offre la vista sulla costa dell’Algarve e, una volta calato il sole, gli ospiti possono godersi il meglio dei rinomati “wet deck party”.

Marmorosch Bucharest, Autograph Collection

Sempre nel secondo trimestre, anche la capitale della Romania vedrà l’apertura di un’insegna del marchio Autograph al posto di una ex banca. Il palazzo della fine della Belle Epoque ha ispirato il restyling in stile Art Déco.

Matild Palace, Luxury Collection a Budapest

Nel primo trimestre  in Ungheria, invece, sarà un palazzo voluto da Sua Altezza reale Maria Clotilde di Sassonia-Coburgo e Gotha a ospitare l’albergo dell’insegna di lusso della catena Marriott (Luxury collection). Nel cuore della città, a pochi passi dal Danubio.

Hotel Riomar Ibiza, Tribute Portfolio

Chiude la pipeline europea una struttura ibizenca. 58 stanze sulla baia di Santa Eulalia, design modernista e “Tribe”, un tiki bar circondato da un giardino segreto tropicale.

Marriott si espande nel Medio Oriente

Lo sviluppo più importante si avrà nel Medio Oriente. In Egitto e negli Emirati Arabi, in Giordania e Arabia Saudita. Tra gennaio e marzo aprono The St. Regis Cairo e The St. Regis Almasa nella capitale d’Egitto.

Affacciato sulla riva del fiume, The St. Regis Cairo si trova a nord della Corniche sul Nilo, ha 286 stanze e suite, e 80 appartamenti di lusso su 39 piani. Appena fuori dal centro, The St. Regis Almasa ha la più grande sala di eventi della città.

Marriott a Dubai

Residence Inn Al Jaddaf (2° trimestre 2021) segna l’esordio del brand dei soggiorni di lunga durata negli Emirati Arabi. Ha 134 stanze e gode di un accesso privilegiato ai principali quartieri business e alle più popolari attrazioni di Dubai.

Per una clientela più leisure e Mice Marriott Resort Palm Jumeirah (3° trimestre) è sulla spiaggia privata. Ha 608 camere, otto ristoranti e lounge, un centro benessere e fitness, un mini club per bambini.

Ancora più di lusso The St. Regis Dubai The Palm (stesso periodo di apertura) si trova nel tronco della celebre isola artificiale a forma di palma. 289 camere e suite, una piscina a sfioro al 50° piano, e un rooftop per la cena con deck panoramico. Si collega al Nakheel Mall con 350 negozi, un multiplex cinema con 15 schermi e 12 ristoranti. L’hotel avrà inoltre un’estensione: The St. Regis Beach Club, dotato di piscina a sfioro, palestra e centro fitness.

The Ritz-Carlton Amman

Due torri per 228 camere, tra cui 34 suite e 90 residenze, nella capitale della Giordania. Un hotel (terzo trimestre) per eventi in grande stile, con piscine interne ed esterne, un centro fitness e una spa, una ballroom di 1.000 metri quadrati.

JW Marriott Burj Rafal Riyadh

In Arabia Saudita, a Ryad su King Fahad Road, a soli 5 minuti dal quartiere finanziario King Abdullah. E’ l’edificio residenziale più alto e si sviluppa su 70 piani che ospitano 349 camere e suite.

In tutto 15 nuovi alberghi che vanno ad aggiungersi alle diverse novità dell’anno scorso, passato in sordina per gli eventi legati alla pandemia. Ad agosto, Marriott ha inaugurato Al Wathba della Luxury Collection ad Abu Dhabi e Grand Universe Lucca per la Autograph Collection a novembre 2020, tra gli altri.

E’ nato il programma di fidelizzazione Marriott Bonvoy per le PMI senza anticipo di pagamento.

Meeting e tamponi negli Stati Uniti

Come parte del protocollo di sicurezza durante la pandemia, negli Stati Uniti Marriott ha aggiunto la possibilità di eseguire un test del Coronavirus per i partecipanti di riunioni aziendali. Attualmente, solo alcune strutture in Florida, Tennessee, Texas e Colorado sono interessate dall’offerta, a partire da questo gennaio 2021. Ma la possibilità verrà estesa ad altre nel corso dell’anno.

Il servizio rientra nel programma Connect with Confidence, sviluppato per il Mice.

Il pacchetto proposto alle aziende prevede:

Test Covid-19 autosomministrato ed effettuato dall’ospite prima del viaggio,

Tampone Covid-19 gestito da un fornitore esterno, presso l’hotel;

Domande sullo screening sanitario giornaliero e/o prima dell’arrivo tramite un’applicazione mobile dedicata;

Controlli giornalieri della temperatura per entrare nell’area dell’evento.

eventi ibridi hilton
Precedente

Eventi ibridi Hilton: hotel a banda ultra larga e contratti multi-sede

Costa Firenze
Successivo

Costa Firenze di Costa Crociere presentata da Peroni Eventi: intervista a Massimo Mercuri