EconomiaMissiOnewsTrasporti

Offensiva IAG, dopo Norwegian nel mirino Air Europa

Offensiva IAG la holding di controllo di British Airways, Iberia, Level e Vueling. Se la scalata su Norwegian permetterebbe al gruppo IAG di consolidare soprattutto  la presenza transatlantica low cost (leggi qui), i rumors di una possibile acquisizione da parte di Iberia dell’altro vettore spagnolo Air Europa, “eliminerebbe” uno scomodo concorrente, per di più dell’alleanza Skyteam, sulla penisola iberica. Questi rumors derivano dal fatto che il presidente di Iberia, Luis Gallego, ha incontrato il Ceo di Globalia, Javier Hidalgo, che possiede Air Europa, per parlare proprio del futuro della seconda compagnia spagnola. Un incontro che è avvenuto qualche settimana fa, dopo che nel passato i vertici dei due vettori si erano già incontrati per parlare di una eventuale fusione. Una dualità nei cieli spagnoli che aveva visto addirittura Hidalgo nel 2007, alleato con Alicia Koplowitz e Manuel Jove, a cercare di rilevare il vettore ex di bandiera dello stato iberico. Prima ancora nel 2000 il direttore generale di Iberia, Angel Mullor, e quello di  Air Europa, Juan Sáez, firmarono un pre-accordo per iniziare delle negoziazioni sulla loro integrazione.

Offensiva IAG, dopo Norwegian nel mirino Air Europa, suo grande concorrente sull’hub di Madrid

La rivalità tra i due vettori comporta che solo in Spagna vi sia l’unico grande hub in Europa con due major che si cannibalizzano, ovvero Madrid Barajas, dove vi sono anche tante compagnie che fanno concorrenza a Iberia sui voli verso l’America Latina, ovvero Avianca, Latam, Aerolíneas Argentinas o Aeroméxico. Ecco perché sarebbe sensata un’operazione di questo genere che costerebbe al gruppo IAG, secondo gli analisti, circa 500 milioni di euro. Per un vettore che quest’anno conterà in flotta ben 7 B787 Dreamliner, 12 A330, 20 B737-800 e 11 Embraer 195, con la quale serve un ampio network europeo e diverse destinazione oltre Atlantico,  con Miami e New York, dopo aver volato la scorsa estate anche su Boston (leggi qui), e su ben 18 mete sudamericane ovvero ArrecifeCaracas, Bogotá, Guayaquil e Quito, Córdoba Asunción, con voli triangolari, Lima, Santa Cruz de la Sierra, Salvador de Bahía, San Paolo, Montevideo, Buenos Aires, San Pedro Sula, L’Havana, Cancún, Punta Cana Santo Domingo. 

 

Studio AirPlus
Precedente

Studio AirPlus, nel 2018 le aziende viaggeranno di più

programma Priority Pass
Successivo

Amex lancia il programma Priority Pass con la Carta Oro