MissiOnewsTrasporti

Torna la Milano-New York di Emirates

Torna la Milano-New York di Emirates. Dal prossimo mese il vettore di Dubai aggiunge ulteriori destinazioni al suo network interrotto dal Coronavirus e fra esse ci sono gli Stati Uniti serviti in collegamento diretto dall’Italia. Il volo era sospeso dal 29 marzo e attualmente è nei sistemi di prenotazione dal 1° agosto per 4 servizi alla settimana con l’A380. «Rimangono tuttavia in vigore restrizioni di viaggio pertanto sono ammessi all’imbarco solo coloro che rispettano i requisiti di ammissibilità e soddisfano i criteri di ingresso stabiliti dai rispettivi paesi di destinazione», spiega il vettore.

Vedi qui le procedure di sicurezza per i passeggeri e i test sierologici all’aeroporto di Dubai.

Milano-New York di Emirates insieme a 10 destinazioni

Come noto il Milano-Dubai è già stato riattivato e permette di andare ad intercettare 10 ulteriori connessioni. Dal 20 giugno riprende la Colombo (Sri Lanka) e dal 24 Sialkot in Pakistan. Istanbul dal 25 giugno mentre la più parte delle mete di lungo raggio viene ripristinata dal 1° luglio.

Più precisamente Auckland, Beirut, Bruxelles, Hanoi e Ho Chi Minh City mentre occorre attentedere il 15 luglio per Barcellona e Washington DC, sempre da Dubai.

I voli in partenza da Sri Lanka, Vietnam e Pakistan trasporteranno unicamente i passeggeri diretti verso gli Emirati Arabi Uniti e le successive destinazioni.

Da luglio vengono incrementate operazioni già riavviate. E’ il caso di Londra Heathrow, Manchester, Francoforte, Parigi, Zurigo, Madrid, Amsterdam, Copenaghen, Dublino, New York JFK, Toronto, Kuala Lumpur, Singapore e Hong Kong.

Dal 7 luglio anche l’Emirato di Dubai riapre ai viaggiatori. Sia per motivi di piacere sia per il business travel. E per celebrare ha creato una campagna, vedibile a questo link.

Ritorna lo chauffeur service

Viene ripreso anche lo chauffer service. Da e per l’aeroporto di Dubai e nelle destinazioni operative.

L’autista indosserà guanti e mascherina. I passeggeri sono tenuti a indossarla una volta saliti a bordo. A seconda della destinazione, potrebbe essere obbligatorio indossare i guanti. Nel caso in cui i clienti ne sono sprovvisti, in auto vengono offerti insieme all’igienizzante per le mani.

Per mantenere la distanza di sicurezza tra autista e passeggero, è obbligatorio viaggiare sui sedili posteriori e limitare il numero di viaggiatori per auto.

Prima di ogni turno, l’auto viene disinfettata e igienizzata completamente. Così come dopo ogni corsa, con particolare attenzione a cinture di sicurezza, maniglie, pulsanti, interruttori e oscuranti.

Riapre la lounge del T3 Concourse B a Dubai

Emirates aprirà, dal 1° luglio, una lounge nel Terminal 3 Concourse B dell’aeroporto di Dubai destinata ai clienti di First e business class, nonché ai membri Emirates Skywards idonei (con almeno 1000 ore).

Si accede attraverso l’ingresso dotato di scanner biometrico in grado di riconoscere il volto.

I 9.209 metri quadrati della lounge sono stati riorganizzati al fine di garantire la distanza di sicurezza tra le persone. Ad esempio, è stato ridotto il numero dei posti a sedere ed aumentata la distanza tra questi.  Anche i servizi di ristorazione sono stati modificati, con le pietanze che verranno servite in confezioni sigillate, incluse le opzioni vegetariane comprese nell’offerta. Le bibite gratuite, incluse quelle alcoliche, verranno servite in singole bottiglie. Drink come vino e champagne, normalmente serviti con bottiglie condivise, non saranno temporaneamente disponibili.

È obbligatorio indossare le mascherine durante la permanenza.

Le altre lounge nell’aeroporto di Dubai e in quelli di tutto il mondo dovrebbero essere progressivamente riaperte nei prossimi mesi.

Hotel Una riaprono
Precedente

Gli hotel del gruppo Una riaprono in sicurezza e con polizza sanitaria inclusa

visto di lavoro Stati Uniti
Successivo

Visto di lavoro per gli Stati Uniti e Coronavirus: ultimi aggiornamenti