EventiGreenSguardo sul futuro

Emissioni Audi in calo del 30% entro il 2025

Obiettivo: riduzione delle emissioni Audi. Il brand tedesco e il gruppo Volkswagen sono tra i primi costruttori auto ad aderire all’Accordo di Parigi sulla riduzione del CO2. Entro il 2025, infatti, la casa dei quattro anelli ridurrà del 30% rispetto al 2015 le emissioni di anidride carbonica nell’intero ciclo di vita delle proprie vetture.

L’obiettivo di lungo periodo è invece quello di una mobilità totalmente sostenibile con un bilancio carbon neutral di tutte le attività del brand entro il 2050. In sostanza: addio ai motori a scoppio.

Taglio emissioni Audi: ecco la e-tron, prima vettura elettrica del gruppo

La strategia di Audi porta inevitabilmente a  sviluppare l’auto elettrica. In questo senso, l’offensiva made in Germany dei quattro anelli è Audi e-tron, prima vettura a zero emissioni nella storia del brand, che è già da inizio 2019 è disponibile.

Ma sul piatto c’è ben di più: entro fine anno, a questa si affiancherà nuova Audi e-tron Sportback, versione coupé del Suv elettrico. Seguiranno Audi e-tron GT, realizzata da Audi Sport GmbH, e Audi Q4 e-tron, presentata come concept al Salone di Ginevra dello scorso marzo.

Entro il 2025, quindi, Audi potrà contare su 30 modelli a elevata elettrificazione, dei quali 20 totalmente elettrici. Veicoli Bev (Battery Electric Vehicle) che rappresenteranno il 40% delle vendite del marchio di Ingolstadt.

Non di solo elettrico vive Audi: l’azienda, infatti, continuerà con lo sviluppo delle tecnologie Diesel, benzina e g-tron, con particolare attenzione al mild-hybrid (a 12 e 48 Volt) e plug-in hybrid.  Entro la fine del 2019, ad Audi Q5 e A7 Sportback TFSI e si affiancheranno 4 ulteriori modelli plug-in.

Leggi di Audi che amplia la gamma delle ibride plug in

L’efficacia delle emissioni Audi passa anche dall’energia rinnovabile

L’ecosostenibilità della casa tedesca passa anche attraverso la decarbonizzazione della filiera, con l’obiettivo – per quanto possibile – di attingere a fonti energetiche rinnovabili. E ancora, rendere possibile un ciclo di vita chiuso delle materie prime e attingere in misura crescente ai materiali riciclati.

In aggiunta, il produttore impone ai propri fornitori l’utilizzo d’energia “pulita” nella produzione delle batterie, il cui alloggiamento è oltretutto realizzato in alluminio sostenibile. La Casa dei quattro anelli è, infatti, il primo costruttore automotive al mondo a ricevere la prestigiosa certificazione di sostenibilità della Aluminium Stewardship Initiative (ASI).

Al via gli ordini dell’Audi Q5 ibrida plug in

E gli stabilimenti? Per raggiungere gli obiettivi prefissati entro il 2025, tutti i siti produttivi Audi dovranno virare verso una gestione “carbon neutral”. Ad iniziare dall’impianto di Bruxelles dove dal 2018 viene realizzata Audi e-tron e che è il primo sito al mondo con certificazione carbon neutral nel segmento Premium. Questo “processo green” toccherà anche l’impianto ungherese di Győr, dove entro la fine del 2019 verrà completato il parco a energia solare di 160mila metri quadrati. Sarà il più grande impianto a tetto d’Europa.

Dall’ambiente ai progetti per giovani: arriva We generation

Terminata la prima fase del progetto, Audi ora è pronta ad accompagnare i giovani talenti del futuro in un nuovo viaggio con la seconda edizione di We generation, sviluppato assieme a H-FARM, incubatore che supporta i giovani nella creazione di nuovi modelli di impresa e li forma alla trasformazione digitale delle proprie aziende.

In questo senso, Audi promuove e favorisce l’innovazione e il cambiamento, con l’obiettivo di incoraggiare la “contaminazione” dei manager e degli imprenditori di domani.

Durante la prima fase di We Generation, gli studenti destinatari delle borse di studio in H-FARM hanno avuto l’opportunità di approfondire e documentarsi sul tema del futuro delle relazioni con il coinvolgimento in attività formative ad hoc e incontri dedicati. L’intero percorso è stato raccontato da un progetto multimediale che coniuga storytelling e interattività, creato da Shado, la media company di H-FARM.

geotab
Precedente

L’IoT dell’automotive fa breccia in Italia, Geotab apre a Roma

TomTom Telematics Asset tracking
Successivo

TomTom Telematics Asset tracking, la gestione flotte è più semplice