MissiOnewsTrasporti

Sciopero del 9 ottobre, la lista dei voli cancellati di Alitalia

Per lo sciopero del 9 ottobre Alitalia ha predisposto un piano per riproteggere i clienti. L’agitazione indetta dai sindacati riuniti in Fnta, Federazione nazionale del trasporto aereo, verte sulla forte preoccupazione sull’iter di cessione della compagnia, ancora non completato e che vede continui posticipi della data ultima di presentazione della fatidica “offerta vincolante” da parte del consorzio che parteciperà la newco.

L’astensione dal lavoro è di 24 ore e per tamponare i disagi la compagnia predisporrà aerei più grandi per riuscire a far volare quante più persone possibile sulle rotte desiderate.

“Prevediamo che il 70% dei passeggeri riesca a viaggiare nella stessa giornata del 9 ottobre”, spiega il vettore.

Considerata la gestione degli equipaggi, Alitalia consiglia di verificare lo stato del volo anche per coloro che hanno prenotato i servizi della serata dell’8 ottobre e della prima mattina del 10. A questo link una lista dei voli che non verranno operati in tali date.

Sciopero del 9 ottobre, le destinazioni cancellate

Madrid, Barcellona, Valencia, Bruxelles, Londra Heathrow, Parigi, Duesseldorf, Monaco: queste sono alcune delle destinazioni di cui sono state cancellati i collegamenti, pubblicati a questa pagina web.

Con ottobre gli scioperi del trasporto aereo proseguono il 25, come riporta il sito ufficiale del Ministero dei trasporti.

Cosa fare se il volo è cancellato

La società specializzata in diritti dei passeggeri Givt ha realizzato un sintetico vademecum su “Che cosa fare in caso di sciopero se mancano meno di 14 giorni dalla data del volo”. Ecco i punti principali:

  1. Controllate regolarmente le informazioni sul vostro volo. A volte le compagnie aeree e i sindacati non raggiungono un accordo se non poco prima della data prevista per lo sciopero. Non aspettate l’ultimo momento però, se non volete che le opzioni a vostra disposizione si riducano. Trovate le informazioni sul volo sul sito della compagnia oppure potete provare il metodo sviluppato dall’Independent per determinare le probabilità che un volo sia cancellato.
  2. Se il volo viene cancellato, la compagnia aerea è obbligata a rimborsare il biglietto e a proporre un volo sostitutivo.
  3. Quello che fanno spesso le  aerolinee è proporre un rimborso per i voli cancellati sotto forma di voucher da utilizzare in futuro. Ricordate che accettando questa (o qualsiasi altra) forma di rimborso, vi precludete la possibilità di richiedere un risarcimento.
  4. Se vi offrono un volo alternativo, confrontate l’orario di partenza e di arrivo con quelli del volo precedentemente prenotato:
  • se siete stati informati della cancellazione del volo tra 7 e 14 giorni prima della partenza e il volo alternativo parte più di due ore prima/arriva a destinazione più di 4 ore, potete richiedere un risarcimento anche se decidete di utilizzare il volo offertovi in alternativa;
  • se siete stati informati meno di 7 giorni prima della partenza e il volo alternativo parte più di un’ora prima/arriva a destinazione più di 2 ore dopo, potete richiedere un risarcimento anche se decidete di utilizzare il volo offertovi in alternativa.

gestione dei dati
Precedente

Gbta Italia fa luce sul data management e dà appuntamento a Firenze

Bettoja Hotels
Successivo

Bettoja Hotels investe e continua il restyling 2.0