AutoServiziSguardo sul futuroSocietà Nlt

Il 2019 del noleggio a lungo termine

Il 2019 del noleggio a lungo termine segna un exploit di crescita del 48,8% (delle passengers cars) secondo le analisi di Dataforce Italia. Dopo un settembre eccezionale (+37,7%), e un altrettanto positivo ottobre (+29,97%), il canale di distribuzione NLT ha fatto segnare a novembre l’eccezionale risultato.

La performance del cumulato annuo si attesta al +6,87% per 16.875 unità in più.

Complessivamente è stato un anno altalenante, mette in evidenza la società guidata in italia da Salvatore Saladino. Il primo trimestre 2019 andò male, a traino di un trend negativo della fine del 2018. Poi le vendite sono tronate a salire nei quattro mesi seguenti (aprile +13,49%, maggio +20,23%, giugno +5,95% e luglio +3,49%). Il ritorno al passivo è avvenuto ad agosto, infine la “ripresona” di settembre, ottobre e novembre.

2019 del noleggio a lungo termine, il commento di Leasys

Da parte degli operatori viene la soddisfazione per un 2019 del noleggio a lungo termine, che decreta abitudini di consumo in profonda trasformazione per quanto riguarda l’utilizzo dell’auto.

«Gli ottimi risultati ci riempiono di orgoglio ma non ci stupiscono: a livello di customer satisfaction, infatti, l’86% dei fleet manager e l’84% dei driver privati che si sono rivolti a Leasys si dichiarano pienamente soddisfatti», commenta Alberto Grippo, Ceo di Leasys.

«La ricerca di Dataforce, inoltre, conferma anche i numeri in crescita, che ci forniscono ulteriori motivazioni per essere sempre più al passo con i trend e le esigenze di tutti i target  –continua il manager – . Stiamo quindi espandendo la rete dei Leasys Mobility Store, già attivi in tutte le principali stazioni, aeroporti e nei centri delle principali città italiane, con l’obiettivo di arrivare a 400 punti fisici su tutto il territorio nazionale entro il 2020. La nostra flotta, comprensiva anche dei veicoli di breve termine, ha raggiunto le 280.000 unità e contiamo di proseguire nella nostra crescita, grazie anche al processo di internazionalizzazione. Ma non ci si può sedere sugli allori: i  trend del car sharing e della subscription economy, in costante crescita, impongono lo studio di soluzioni fortemente innovative e flessibili».

Approfondisci qui con le novità di Leasys presentate a Milano da Alberto Grippo.

2019 del noleggio a lungo termine

Captive e generalisti: l’andamento del NLT secondo gli operatori

Nel mese di novembre, l’incremento delle immatricolazioni di noleggio a lungo termine ha riguardato entrambe le principali tipologie di operatore: le società captive e i generalisti. Vediamoli.

Le aziende controllate dai costruttori automobilistici hanno più che raddoppiato le consegne: +125,85%. Parliamo di Leasys, Charterway Service di Mercedes-Benz, Free2Move Lease-Psa, ES Mobility di Renault/Nissan e Volkswagen Leasing.

Invece, per le principali società di noleggio che offrono prodotti multimarca si è trattato di una crescita più modesta, del 10,27%. Parliamo di Ald Automotive, Alphabet, Arval, Athlon, Car Server, Leaseplan e Sifà.

«Nel cumulato, le captive vanno a gonfie vele (+31,71%), mentre i generalisti perdono l’8,84% dei volumi delle immatricolazioni, soprattutto a causa della flessione accentuata di Ald Automotive e, meno allarmante, di Leaseplan», argomentano gli analisti.

Il NLT nel 2020, come sarà? Alla luce della revisione della tassazione sull’auto aziendale in fringe benefit (scopri qui il nuovo schema 2020), cambieranno le scelte sulle motorizzazioni.

Osserva il country manager di Dataforce Italia, Salvatore Saladino: «Nel 2020 il noleggio a lungo termine crescerà ancora, ma assisteremo a una forte redistribuzione del mix per alimentazioni, perché così il legislatore “dirige e incentiva”: resta comunque da vedere se il bilancio emissivo di questo spostamento sarà positivo per l’ambiente e la nostra salute, perché così finora non è stato. Siamo invece certi dell’impatto sul conto economico dei consumatori: negativo».

Approfondisci qui di quanto è scesa la quota del diesel nel NLT secondo Aniasa.

Milano-Monza Open Air Motorshow
Precedente

Milano-Monza open Air Motorshow acquista la dimensione internazionale

mazda 2
Successivo

Mazda 2 diventa ibrida e già omologata Euro 6D, arriva a gennaio 2020