Colonnine ricarica auto gratis

Colonnine ricarica auto gratis: dove sono, mappa, vicino a me, app, supermercati, centri commerciali

Colonnine ricarica auto gratis: come trovarle, app, mappa e quali sono i supermercati e centro commerciali ad averle

Con l’aumento nel parco circolante italiano di auto elettrificate di tipo ibrido plug in e 100% elettriche, la caccia alle colonnine di ricarica auto gratis si fa sempre più agguerrita.

Infatti, anche nelle grandi città ci si rende sempre più conto di come l’infrastruttura non sia ancora pronta a supportare questo nuovo fenomeno (quasi) di massa. Il vincolo, quindi, rimane quello di possedere un box con punto di ricarica o la possibilità di ricarica aziendale presso l’ufficio di lavoro.

Colonnine ricarica auto gratis: questione di fidelizzazione

In attesa del capillare sviluppo della rete di ricarica, uno dei luoghi preferiti dagli automobilisti “alla spina” sono sicuramente i grandi centri commerciali e gli ipermercati.

Infatti, si possono trovare colonnine di ricarica gratuite grazie ad apposite convenzioni con i fornitori di energia che pagano la ricarica dei clienti in cambio di visibilità e pubblicità. Una situazione win-win sia per l’esercizio commerciale sia per il distributore di energia visto che il cliente-tipo preferirà quella location e quel gestore rispetto ad altri.

Ci sono anche delle applicazioni dedicate, alla ricerca di colonnine e punti ricarica Bev e Phev gratuiti (es. Chargemap) usando gli appositi filtri di ricerca. Tra i risultati figurano anche aree di parcheggio in alberghi e ristoranti, per la clientela, ma anche rivenditori e noleggiatori auto.

[Scopri l’infrastruttura di ricarica di Conad e Leroy Merlin]

Ricarica auto elettrica all’Esselunga

I supermercati della catena milanese mettono a disposizione dei propri clienti colonnine con potenze standard ed elevate.

Accedervi è semplice e basta recarsi al desk dell’assistenza clienti all’interno del supermercato per richiedere l’apposita tessera. Attenzione ai limiti di tempo, visto che il parcheggio ha un orario prestabilito di apertura e chiusura. Se viene superato bisognerà pagare la sosta extra. Gli indirizzi utili dove trovare le colonnine gratis negli store Esselunga sono:

  • Esselunga di Viale Famagosta – Milano
  • di Via Giorgio Washington – Milano
  • Esselunga di Pioltello (Mi)

[Quando ci sarà lo stop alle vendite delle auto termiche?]

Colonnine di ricarica Iper, La grande I

L’azienda della grande distribuzione “Iper, La grande i” si è resa protagonista di un fitto programma d’istallazione di colonnine presso i suoi punti vendita. L’obiettivo è quello di creare nei prossimi anni varie decine di stazioni di rifornimento in tutta Italia. Per accedere al servizio bisogna registrarsi sul sito Ricaricaev.it con il proprio tesserino sanitario (carta nazionale dei servizi).

Una volta trovato posto vicino a una colonnina di ricarica bisogna solo avvicinare la card data da Iper o usare la App. Nel corso del 2023 la tariffazione ha subito cambiamenti e occorre quindi verificare l’effettiva gratuità. Mediamente, da novembre 2023 il servizio è a pagamento. Quanto costa? Tariffa standard 0,44 €, Tariffa possessori Carta Vantaggi 0,39 €.

Le colonnine negli ipermercati e le stazioni di servizio Iper Station Stop&Go si trovano a:

Colonnine di ricarica nei parcheggi:

Lombardia

  • Arese
  • Grandate
  • Monza
  • Milano – Portello
  • Rozzano
  • Varese

Emilia-Romagna

  • Savignano sul Rubicone

Iper station stop & go  – distributore di carburante nel piazzale dell’ipermercato:

Lombardia

  • Arese
  • Brembate
  • Cremona
  • Lonato del Garda
  • Magenta
  • Montebello della Battaglia
  • Orio al Serio

Emilia-Romagna

  • Savignano sul Rubicone

Veneto

  • Castelfranco Veneto
  • Verona

Colonnine gratis Famila

I punti di ricarica nei supermercati Famila non sono semore presenti, dipende. Meglio verificare sul sito ufficiale, ma quelle già operative, sono state inaugurate con servizio gratuito, senza limiti.

Ipermercati Tigros

Anche il Gruppo Tigros incentiva la mobilità elettrica dei propri clienti.

Nei punti di vendita più recenti sono stati installati le wallbox nelle aree di sosta in cui poter ricaricare la propria auto elettrificata per un massimo di 120 minuti.

Per attivare il servizio bisogna rivolgersi al banco clienti e ricevere l’apposita card Rfid. È bene sapere che non tutti i Tigros adottano la stessa politica e qualche postazione di rifornimento potrebbe essere a pagamento. In più sul sito ufficiale non viene spiegata nel dettaglio la modalità per accedere alla ricarica.

I Tigros abilitati sono:

  • Tigros di Assago (Mi), in Via Giuseppe Garibaldi 3
  • di Canegrate (Mi), in Via Alessandro Manzoni 88

Ricaricare l’auto elettrica alla Decathlon

Per gli sportivi che guidano auto a  batteria anche la catena francese si unisce al gruppo che incentivano il rifornimento elettrico gratuito. L’elenco comprende:

  • Decathlon di Segrate (Mi)
  • di Saronno (Va)
  • Decathlon di Pieve Fassiraga (Lo)

Discount Aldi

La multinazionale tedesca di discount Aldi ha installato alcune colonnine dove poter effettuare rifornimento gratuito. In questo caso la colonnina viene attivata dal personale del negozio che vi fornirà di una card una volta richiesta la possibilità di accesso:

Lombardia

  • Aldi di Viale Lombardia – Monza
  • di Via Ferruccio Gilera – Arcore
  • Aldi di Via Monza – Concorezzo (Mb)

Veneto

  • Aldi di Via S. Giuseppre – Conegliano (Tv)

Supermercati Lidl

Un altro discount tedesco particolarmente attivo nella promozione della mobilità sostenibile è Lidl. Infatti, sono davvero numerosi i suoi parcheggi nei suoi punti vendita che offrono il servizio di ricarica per auto elettriche completamente gratuito, in Lomnardia:

  • Milano, Viale Cassala
  • Milano, Viale Sarca
  • Milano, Viale Monza
  • Muggiò, Via Fratelli Bandiera
  • Cormano, Via del Lavoro
  • Bollate, Via Carlo Cattaneo
  • Lissone, Piazzale La Rotonda
  • Lissone, Via Trieste
  • Concorezzo, Via Milano
  • Buccinasco, Viale Lombardia
  • San Giuliano Milanese, Via L. Tolstoi

Ikea e altri con ricarica gratis all’estero

In alcune nazioni, come Francia, Germania e Belgio, le colonnine presso i punti Ikea offrono la ricarica EV gratuita (sia a 22 kW sia a 50 kW). In Italia no, le colonnine ricarica auto elettrica nel parcheggio dei negozi IKEA è di proprietà ENEL X o IRETI, per cui serve iscrizione ai loro programmi.

Oltre al colosso dell’arredamento svedese, in Europa anche le catene Tesco e Sainsbury’s offrono punti di ricarica gratuiti per i propri clienti.

Tesla destination charger

Da sempre Tesla offre ai suoi clienti una rete di ricarica proprietaria di ricarica chiamata Tesla Supercharger.

In alcuni casi, però, ci sono colonnine ad alta potenza non solo riservate ai veicoli marchiati Tesla. Si chiamano Destination Charger e le possiamo trovare in strutture alberghiere, ristoranti e fino all’interno delle stazioni Supercharger. In base alla situazione dell’hub di ricarica in questione la policy e costo varia periodicamente. Per comodità trovate la lista completa delle Tesla Destination Charger in Italia al sito: www.tesla.com/findus/list/chargers/italy.

Colonnine ricarica auto gratis: come trovarle

Ci sono tantissimi gestori che richiedono tessere differenti.

Come si riesce, quindi, ad avere una mappa completa delle colonnine vicino a noi?

Se non state usando il navigatore dell’auto, che su un’auto elettrica vi indica la presenza delle colonnine rispetto al percorso selezionato, dovete sapere che esistono diverse app tutte molto efficaci.

Utilizzando per esempio: Juice Pass (Enel X), D Mobility (Duferco Energia), Chargemap, Chargepoint, Nextcharge, Plugshare possiamo scovare le colonnine libere più vicine a noi in tempo reale.

Da non sottovalutare per l’impresa anche il nuovo servizio di Google Maps recentemente inaugurato. Un portale sicuramente completo è quello di e-Station.it dove potrete trovare tutte le colonnine, gratis e non, disponibili sul territorio nazionale.

[Quante infrastrutture di ricarica servono in Europa ogni settimana?]

Advertisement

1 comment

Iper Station di Castelfranco Veneto non è gratis, per di più richiede sempre 1€ ad ogni registrazione ma poi si blocca addebitano la spesa sulla carta. La cosa peggiore è che il personale è altamente incompetente. Non da nessuna risposta, pure infastidito.

Lascia un commento

*