vaccinazioni business travel 2022

Vaccinazioni al centro della ripresa del business travel nel 2022

Vaccinazioni al centro della ripresa del business travel nel 2022: per Bizaway è il must. La Tmc che negli ultimi due anni si è aperta una importante fetta di mercato nei viaggi d’affari fa il punto sulla lenta ripresa dei viaggi aziendali, con l’aiuto delle ricerche più conosciute. Ecco i dati di McKinsey, del Wttc, di Statista e della stessa Bizaway resi in una riflessione sui trend.

La sintesi: le aziende ormai sono allenate allo “stop and go”, ciò fa sperare in un ritorno ai livelli pre-pandemia prima del più volte ipotizzato 2024. Tuttavia, molte sono le nuove modalità di organizzazione.

In testa l’accelerata digitalizzazione che ha giovato alle travel management company come Bizaway, che si basa su una piattaforma online.

Vaccinazioni e business travel nel 2022: il cuore della ripartenza

«Un fattore determinante per le travel policy aziendali è rappresentato dall’andamento delle vaccinazioni, che varia da Paese a Paese, passando da una percentuale inferiore al 10% in Africa a oltre il 90% negli Emirati Arabi, mentre in Europa siamo al 68,7%», argomenta Flavio Del Bianco, co-founder e Cto di Bizaway.

Attualmente, le percentuali dei vaccini (due dosi o monodose Janssen) somministrati sono queste:

Europa 68,7%

USA 61,2 %

India 41,4%

Emirati Arabi 90,7%

Argentina 70,5%

Brasile 66,7%

Africa 8,57%

Luca Carlucci

«La strada per una ripresa completa è ancora lunga», commenta Luca Carlucci, co-fondatore e Ceo di Bizaway.

Continua: «Gli esperti e l’Oms ipotizzano che la pandemia non scomparirà del tutto, ma che passerà a uno stato endemico. E questo significa che nel nostro settore dovremo convivere ancora con restrizioni e libertà».

Da parte della Tmc, la reazione allo stop dei viaggi di lavoro è stata di investimenti in nuove funzionalità della piattaforma. I risultati: nel 2021 la crescita media mensile del volume dei booking è stata superiore al 35%.

Approfondisci sul tool per la sicurezza del dipendente in viaggio di lavoro.

Il WTTC e la ripresa del business travel nelle Regioni

Secondo il World Travel & Tourism Council (Wttc) le spese per i viaggi d’affari cresceranno del 34% nel 2022.

I maggiori slanci si avranno in Asia-Pacifico (41%), in America (35%) e in Medio Oriente (32%). Invece, l’Europa si attesterà al 28% e l’Africa al 23%.

I tassi di ripresa per ogni singola regione, per il 2021 e 2022:

Medio Oriente – 49% per il 2021 e 32% per il 2022

Asia-Pacifico – 32% per il 2021 e 41% per il 2022

Europa – 36% per il 2021 e 28% per il 2022

Africa – 36% per il 2021 e 23% per il 2022

America – 14% per il 2021 e 35% per il 2022

Potrebbe interessarti l’articolo su Covid e business travel: perché diventerà il nostro compagno di viaggio?

Perché il business travel è così importante per la filiera dei viaggi?

Una conseguenza del blocco delle trasferte d’affari è stato il boom delle riunioni in videoconferenza. Sommando ad esso l’adozione dello smart working, gli effetti sui fornitori della filiera dei viaggi sono stati fatali.

In una ricerca, Statista riassume dati a noi ampiamente noti, che vale la pena fissare ancora.

Il settore delle trasferte di lavoro era responsabile del 70% del guadagno globale per gli hotel di fascia alta. Di un valore compreso tra il 55% e il 70% dei profitti delle compagnie aeree. Nonostante i viaggiatori business rappresentino solo il 12% dei passeggeri.

Questi ricavi sono a rischio finché non sarà possibile il riconoscimento uniforme delle certificazioni di un passeggero sano. Tra esse la documentazione vaccinale e i tamponi per accedere alle destinazioni e ai mezzi di trasporto di tutto il mondo.

Per le imprese rimarrà aperto il tema della valutazione del rischio complessivo, in funzione delle varianti del Coronavirus e della risposta sanitaria delle destinazioni. Determinante rimane  l’accessibilità ai test, sia come disponibilità sia per il costo degli stessi.

Approfondisci sul punto di vista di Bizaway e i trend 2022 del BT.

Su Bizaway l’assicurazione di Europ Assistance

Tra le novità recenti della piattaforma c’è l’assicurazione con Europ Assistance.

Il travel manager prenota la polizza online e in autonomia. Ne gestisce tutti gli aspetti del viaggio d’affari, inclusi quelli amministrativi. Il prodotto offerto è specifico per il BT.

Anche Trenitalia è integrata direttamente nel sistema per tutti i servizi ferroviari e anche il post vendita. Emissione dei biglietti e variazioni avvengono in tempo reale.